Il parco dei mostri di Bomarzo

Il mistero dei mostri di Bomarzo

di Daniele Biacchessi – Foto di Edy Giraldo

Si trova a poco più di novanta chilometri da Roma il parco dei mostri di Bomarzo vicino a Viterbo ed è proprio una bellezza dietro l’angolo.

E’ il 1950 quando le cineprese di Michelangelo Antonioni entrano per la prima volta in questo luogo incantato. 

Il “Sacro Bosco” come qualcuno lo chiama, “La villa delle meraviglie” come altri lo definiscono, è in realtà lì dal 1547, quando l’architetto Pirro Ligorio regala al principe Pier Francesco Orsini questo gioiello dalle costruzioni strane, sbilenche, popolato da figure paurose e per nulla tranquilizzanti, ma affascinanti.

Vi sono architetture impossibili, come la casa inclinata, statue enigmatiche che appartengono ad un itinerario di matrice alchemica. 

Si cammina dentro un bosco di tre ettari, tra conifere e latifoglie, tra sculture di varia grandezza ritraenti personaggi e animali mitologici, edifici che riprendono il mondo classico ignorando volutamente le regole prospettiche o estetiche, allo scopo di confondere il visitatore. 

Una bellezza unica da riscoprire, come fece Salvador Dalí secondo cui il Parco dei Mostri è un’invenzione storica unica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: