Tuscia terra di colline, borghi, cibo, vino e mare

Tuscia terra di colline, borghi, cibo, vino e mare

di Daniele Biacchessi

La Tuscia è luogo antico, zolle di terra viva, borghi, colline, laghi, cielo, vigne e buon cibo, umanità, e molto altro ancora. 

Da qualunque posizione, una collina ne nasconde sempre un’altra, leggermente più alta, e sopra le colline si intravedono le rocche (la Rocca dei Papi di Montefiascone), i torrioni dei castelli, le fortificazioni che difendevano gli uomini, tanti anni fa, paesi fantasma (Celleno), città che muoiono (Civita di Bagnoregio).  E intorno ai pendii, sulle rive del lago (Bolsena), nelle piane emergono antiche civiltà come quella degli Etruschi (Il Parco archeologico di Vulci).

Di ottobre e novembre, i colori sembrano dipinti da un grande pittore, con tutte le sfumature tra il giallino delle foglie, il marrone degli alberi e della terra, il verde dei prati, l’azzurro del lago, e il bianco spumeggiante delle onde del mare. 

D’inverno, i tramonti diventano brillanti intorno alla palla di fuoco del sole rosso che va a spegnersi nella linea dell’orizzonte dell’infinito del mare.

La primavera la senti arrivare quel giorno in cui stormi di migliaia di uccelli si posano sul prato per pochi secondi, e poi si alzano tutti insieme per poi planare poco più in là, verso una metà sconosciuta.

L’estate ha il sapore del mare e del vento, porta la vista delle barche dei pescatori di lago che tornano nel porto di sera e delle reti colorate messe ad asciugare al sole.

La Tuscia è terra di popoli che hanno visto la miseria più terribile, e che la malora l’hanno trasformata in ricchezza. 

Però la Tuscia non è luogo per viaggiatori distratti, vocianti, attaccati ai telefonini, angosciati dalla frenesia delle grandi città. Porta con se un tempo giusto, una lentezza attiva.

Una collina ne nasconde sempre un’altra, leggermente più alta, e sopra le colline si intravedono le rocche e i torrioni dei castelli, e intorno alle colline si muove il sistema delle vigne che sanno di Est Est Est.

Non c’è angolo della Tuscia che non sappia di vino, e sapori intensi di cibo e di vita ancora rimasti genuini. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: